Alla ricerca dello spirito samurai

Kanazawa é situata nel cuore di Honshu, l'isola più grande dell'arcipelago giapponese. Una città dal fascino molto particolare, Kanazawa offre ai suoi visitori attrazioni ricche e varie, tutte segnate col marchio della storia e della cultura tradizionale. Spesso, la struttura urbana di Kanazawa ci ricorda che, in passato, la città fu costruita per servire da centro amministrativo per un clan di samurai tra i più potenti del Giappone. Ma accanto a questo patrimonio storico di prim'ordine, il vigore dei suoi mestieri tradizionali e un'eccezionale cultura gastronomica fanno di Kanazawa uno degli emblemi del paese, riconosciuto per l'eccellenza del suo patrimonio culturale e artistico di ispirazione popolare.
Scoprire lo spirito originale che continua ad animare in profondità questo prezioso patrimonio è senza dubbio il miglior modo per apprezzare le sue diverse attrazioni. Qui, vorremo presentarla ciò che rende l'essenza di Kanazawa, al di là dei sentieri battuti proposti dalla maggior parte delle guide generali.

Q:1Qual è l'identità di Kanazawa?

A: Kanazawa rimane una città le cui radici risalgono al tempo dei samurai

Colla fine delle guerre feudali, tra la seconda metà del 1600 e l'inizio del 1700, il Giappone ha vissuto l'erezione attraverso il suo territorio di molti "jōkamachi"; letteralmente "città sotto il castello" che fungevano da centri amministrativi e militari per i daimyō, i capi dei clan feudali. Questo è il contesto in cui si è sviluppata e prosperò la città di Kanazawa, sotto i bastioni del castello occupato dalla famiglia Maeda per quasi 290 anni.
Nel Giappone antico, il sistema chiamato "kokudaka" valutava la ricchezza dei territori e il potere dei clan che li occupavano secondo la scala dello "koku", l'equivalente della razione di riso necessaria per nutrire una persona durante un anno intero. Il fatto che il dominio delle Maeda fosse conosciuto in quel periodo come "hyakumangoku", il feudo di un milione di "koku", dice abbastanza quale erano la sua ricchezza e il suo potere.
Dovunque in Kanazawa, dal giardino Kenroku-en fino all'antico quartiere delle geisha di Higashi-chaya, questo glorioso passato rimane in gran parte inalterato e perfino ingigantito dal ritmo delle stagioni. Il respiro del samurai sembra impregnare la brezza che agita i fiori di ciliegio in primavera per andare a radunarsi all'ombra dei grandi alberi dell'estate. Fa una solenne processione alla caduta delle foglie in autunno ma, combattivo e ribelle alle vicissitudini del tempo, rinascerà per trafiggere l'immobilità delle strade coperte dalla neve invernale in un bagliore scintillante al sole.
L'eredità culturale di Kanazawa è in fondo un riflesso del modo di vivere dei quelli samurai che diedero alla città le sue lettere di nobiltà. Poiché condensa la maggior parte del patrimonio storico e culturale del Giappone imperiale, Kyoto ha ricevuto col tempo l'onore di simboleggiare il raffinamento della cultura giapponese. Ma lontano da questo mondo elegante intriso di padiglioni fioriti, intrighi di palazzi e letteratura cortigiana, il fascino di Kanazawa si rivela su un registro diverso, tutto schieto di rigore, di forza e di dignità.

Q:2Quali sono le aree specifiche della cultura dei samurai di Kanazawa?

A: Sono la cerimonia del tè, il teatro noh e l'artigianato tradizionale.

Se Kanazawa è oggi riconosciuta per la finezza e l'originalità della sua produzione artigianale, è in gran parte grazie al costante investimento dei successivi signori della stripe dei Maeda per promuovere l'arte della cerimonia del tè nella città. In tal modo, sono stati considerati come veri sostenitori della cultura locale, avvendo incoraggiato gli artigiani a produrre utensili sempre più raffinati per il servizio da tè.
Simbolo della prossimità del signore colle arti legate alla cerimonia del tè, un laboratorio situato all'interno del castello di Kanazawa, una cosa molto rara nel Giappone antico, in cui numerosi artigiani assumevano il compito quotidiano di disegnare e produrre degli utensili sempre più lussuosi per il loro signore.
Oggi, emblematiche di una produzione artigianale originale, prodiga e maturata nel corso delle generazioni, creazioni che utilizzano tecniche diverse come la lacca, la ceramica e la foglia d'oro vengono ammirate in molti musei, gallerie e negozi specializzati. In riconoscimento di questo spirito eccezionale e delle competenze così trasmesse nel corso dei secoli, Kanazawa è stata registrata nella Rete delle Città Creative dell'UNESCO, campo dell'artigianato, nel 2001 e quindi brilla nel firmamento del artigianato mondiale.

Q:3Cosa rende Kanazawa una "jōkamachi" tipica?

A: È una città progettata e costruita in base alle caratteristiche del terreno.

La costruzione complessiva di Kanazawa è conforme a molti principi comuni alle "jōkamachi". Centrata attorno al suo castello, si estende su uno spazio naturale pieno di contrasti i cui rilievi furono integrati nella sua missione difensiva. Kanazawa è strutturata attorno a tre colline sormontate da vasti altipiani scolpiti da due fiumi. Ancora oggi questi fiumi, chiamati Saigawa e Asanogawa, attraversano Kanazawa senza incrociarsi.
Risparmiata dalle catastrofi naturali e dai bombardamenti aerei della seconda guerra mondiale, la struttura urbana di Kanazawa è rimasta sostanzialmente invariata. Consapevole dell'importanza del suo patrimonio, la città ha adottato una visione inclusiva relativo a la sua conservazione. Pertanto, non si tratta solo di preservare un particolare edificio storico. Piuttosto, questo edificio viene definiscendo un'area di interesse storico, di cui è collocato al centro, integrando così la periferia nello sforzo di conservazione o di rinnovamento, secondo un approccio che, a lungo termine, deve giovare alla città intera.
Kanazawa è una città di atmosfera. Attraversando i templi e santuari che la costellano, passeggiando nel vasto parco del castello o nel giardino di Kenroku-en qui vicino, vagando nei labirinti di vicoli nei quartieri dei samurai in Nagamachi o delle geishe in Higashichaya, il suono dell'acqua scorrente nei fiumi e canali che attraversano la città, accompagna i passi del visitatore. Come un'eco del passare del tempo, il sciabordo ci invita a sognare ad occhi aperti. Ascoltando il suo sussurro e il visitatore catturerà l'atmosfera del luogo nel tempo in cui i samurai di Kanazawa seguivano gli stessi percorsi lungo gli stessi canali.

Q:4Kanazawa è una città dove il tempo si è fermato?

A: No! Kanazawa ha anche il fascino della novità.

Orgogliosa del suo patrimonio storico e combinando lo spirito della sua cultura tradizionale con il presente, Kanazawa è allo stesso tempo una città decisamente orientata verso il futuro, la cui creatività è stata recentemente illustrata con notevoli realizazioni in campi come l’architettura, la musica o la moda. Inaugurato nel 2004, il Museo di Arte Contemporanea del 21 ° Secolo, che espone opere di artisti di tutte nazionalità, accoglie oltre 2,5 milioni di visitatori all'anno ed è diventato un passagio obbligato per ogni viaggiatore appassionato di arte moderna. Allo stesso modo, dalla sua aperture nel 2011, il museo dedicato a Suzuki Daisetsu, un scrittore e teorico del buddismo nativo di Kanazawa noto per aver propagato il pensiero Zen in Occidente attraverso le sue pubblicazioni in inglese, non ha smesso di attirare l'attenzione del pubblico sia per l’ originalità architettonica del luogo, sia per l'interesse dei documenti ivi esposti.
Inoltre, essendo situata in un importante crocevia per gli assi stradali, aerei e marittimi del paese, Kanazawa è quindi molto facilmente accessibile da città e destinazioni turistiche come Tokyo, Osaka, Kyoto, Nagoya, Gokayama, Shirakawago e Takayama.

Q:5Si mangia bene qui ?

A: Certo. La sua cultura gastronomica è un vanto per Kanazawa.

Vicina al mare, attraversata da fiumi e circondata da montagne con villaggi pittoreschi, Kanazawa è benedetta da un ambiente naturale ricco e vario. L'abbondanza di ingredienti di prima qualità in qualsiasi stagione spiega che dai tempi più remoti, la regione sia stata conosciuta per la sua cultura gastronomica. In particolare, la vicinanza delle zone di pesca e l'eccezionale qualità dei pesci del Mar del Giappone hanno attribuito a Kanazawa una reputazione duratura in tutto il paese, come dimostrato dai numerosi ristoranti di sushi in tutto la città. Ma i cibi fermentati come la salsa di soia, il miso e il sake sono anche caratteristiche principali della cultura gastronomica di Kanazawa. Anche in questo caso, un buon numero di negozi specializzati e birrifici, alcuni dei quali avendo stati in attività da parrechie generazioni, sono aperti al pubblico per dare testimonianza della questa lunga tradizione.
Proprio come stare in un "ryokan", la locanda tradizionale del Giappone, provare un pasto in un "ryōtei", un ristorante di lusso, è il miglior modo per apprezzare tutta la qualità della cultura gastronomica di Kanazawa, tanto più che l'esperienza non si limita al piacere del palato. Situati in case tipiche arredate con molto gusto, l'architettura, il giardino, i piatti e i mobili di un ryōtei si combinano per rendere il pasto un'esperienza culturale molto raffinata, la cui tradizione risale proprio al tempo dei samurai. .
Tutte le informazioni necessarie sulla cultura gastronomica di Kanazawa sono disponibili presso il centro di informazioni turistiche della stazione di Kanazawa, una città che non possiamo fare altro che incoraggiarla a visitarla in compagnia di una guida interprete in modo che La aiuterà a catturare il suo fascino e scoprire i suoi segreti più profondi.